Immagini della Valle

Copyright

Copyright © 2007 - | www.valleantrona.com
W W W . V A L L E A N T R O N A . C O M
EnglishItalianSpanishFrenchGermanJapanese

AFFILIATI VALLEANTRONA.COM


 
Ospitalità nel Parco Naturale della Valle Antrona
L'elisir della giovinezza nel Parco Naturale della Valle Antrona PDF Stampa E-mail
Notizie della Valle - Anno 2011
Martedì 22 Febbraio 2011 00:00

L'elisir della giovinezza nel Parco Naturale della Valle Antrona

Paesaggi incontaminati, panorami che tolgono il fiato, sentieri che mettono a prova e premiano la fatica, cure, divertimento, relax. E, senz’altro, la possibilità di impostare la nostra vita in una direttrice più sana. La montagna è un vero elisir da prendere a piccole e grandi dosi. Dalla A alla Z!


Acari
Al di sopra dei 1.500 metri gli asmatici possono fare un respiro di sollievo in quanto gli acari della polvere, grazie alla riduzione dell’umidità, non hanno possibilità di sopravvivenza. In quota si ha inoltre una minore presenza di sostanze inquinanti, con conseguente neutralizzazione degli effetti prodotti dagli allergeni.

Benessere
L’ambiente montano è un vero toccasana non solo per il fisico, ma anche la mente. Non presenta controindicazioni ed è adatto a persone di tutte le età. Partire alla sua scoperta è come compiere un viaggio verso l’armonia del corpo e dell’anima. Tra le cime, sulle verdi distese di prati o in riva ai luccicanti laghetti alpini, l’uomo si riconcilia con se stesso e arriva a comprendere la grandezza della bellezza. Il soggiorno in montagna produce effetti benefici anche sullo stato psichico dei soggetti stressati, depressi o con facilità ad innervosirsi grazie all’effetto rilassante esercitato dal clima e dalla tranquillità dell’ambiente.

D vitamina
L’attività all’aria aperta favorisce la produzione di vitamina D, indispensabile per l’assorbimento del calcio e del fosforo e quindi basilare per la formazione del tessuto osseo e dei denti. In estate, le temperature non eccessive della montagna consentono di rimanere esposti alla luce solare per un maggior numero di ore, sfruttando al massimo la produzione di questa importante vitamina.

Emozioni
La bellezza di un paesaggio mozzafiato, il verde dei prati da cui si staglia l’azzurro cangiante di un cielo terso, i silenzi interrotti dal verso di un animale o dal fruscio delle foglie nei boschi, il suono ridente di una cascata cristallina. Non c’è dubbio: la montagna regala delle emozioni intense, estremamente rilassanti per il nostro sistema nervoso.

Frutti di bosco & Co.

Fragole, fragoline, mirtilli, ribes, more e lamponi sono ricchissimi di sostanze antiossidanti. Ma la montagna offre tantissimi altri prodotti genuini come ad esempio le mele (che riducono il rischio di tumori al cavo orale, esofago, colon retto, mammella e ovaie), gli ortaggi (per lo più coltivati con metodo biologico o integrato, aiutano a depurare l’organismo), la carne e il latte (sottoposti a numerosi controlli in tutte le fasi della produzione), le trote (ricche di Omega-3, favoriscono il buon funzionamento del sistema cardiocircolatorio) e perché no? anche il vino, che se assunto con moderazione, aiuta nella prevenzione dei disturbi cardiovascolari.

Globuli rossi

Al di sopra dei 1.200 metri, l’aria diventa più rarefatta per via della progressiva riduzione dell’ossigeno. Questa condizione stimola l’organismo a produrre più globuli rossi, favorendo un maggiore apporto di ossigeno ai muscoli con conseguente miglioramento della performance fisica. Non a caso la montagna è l’ambiente preferito per l’allenamento degli sportivi. Un beneficio in quota lo potranno avere anche i soggetti lievemente anemici, come le donne in età fertile con abbondanti cicli mestruali e i bambini.

Intelligenza
La montagna è anche una palestra per la nostra mente: stimola i sensi, aiuta a mettere in atto delle strategie, impone il confronto con le nostre capacità e i nostri limiti . La regola è di non lasciare spazio all’estremo, tutto va pensato in base all’età, alle condizioni fisiche e psicologiche. E agito nel pieno rispetto di questo meraviglioso ambiente naturale.
Lungavita!
Ritmi poco stressanti, aria pura, alimentazione varia e genuina, sano movimento fisico favoriscono migliori aspettative di vita e contribuiscono all’eliminazione dei radicali liberi, responsabili di fenomeni di degenerazione delle pareti dei vasi sanguigni e della formazione della placca, e della conseguente insorgenza di malattie cardiovascolari acute.

Mens sana in corpore sano
La vacanza in montagna ci offre l’occasione di immergerci in una dimensione più a misura d’uomo, dove la vita è scandita dall’alternanza luce-buio. Durante il giorno ci si dedica ad attività sportive ed escursioni, mentre la sera si gode di tutto il tempo necessario per il riposo. Per questo chi soggiorna in montagna è portato a svegliarsi presto per sfruttare al meglio l’illuminazione naturale, senza sentire alcun fastidio nel passaggio dal sonno alla veglia. In questo senso la montagna ci aiuta a sintonizzarci con il nostro orologio biologico.

Nutrizione
La montagna favorisce l’acquisizione di abitudini virtuose come le ricche colazioni, i buffet di verdure, il consumo di frutta e yogurt. Tutti plusvalori che certamente giovano a favore dell’alimentazione. La cucina montana è preparata ancora con prodotti sani e genuini, secondo le antiche ricette tradizionali. Un’occasione per assaporare piatti semplici e per imparare a mangiare meglio.

Ossigeno
In montagna troviamo senza alcun dubbio un’aria migliore, tanto che a volte viene voglia di fermarsi per respirare a pieni polmoni. Man mano che si sale, l’aria diventa meno umida e densa, producendo un miglioramento per chi soffre di patologie respiratorie. “Respirare l’aria pura e fresca – riferisce la dottoressa Annalisa Cogo, pneumologa e docente al Corso di perfezionamento in Medicina della Montagna dell’Università di Padova – fa bene soprattutto ai bambini in quanto rafforza il sistema di difesa naturale e affina le capacità di termoregolazione, utile per prevenire le malattie da raffreddamento.”

Palestra naturale
La montagna è una palestra naturale che si presta a varie attività in qualsiasi stagione. La semplice camminata in quota è ideale per tutti, anche per le persone anziane, i soggetti obesi e i cardiopatici mentre l’arrampicata apporta benefici alla colonna vertebrale ed è consigliata in caso di scoliosi e per la riabilitazione successiva a traumi articolari e vertebrali. L’attività fisica è inoltre efficace nella prevenzione di molte patologie gravi come quelle cardiovascolari, dismetaboliche e di alcune forme di cancro.

Quota
L’attività aerobica in quota è ampiamente raccomandata in quanto l’altitudine rafforza ulteriormente i benefici dell’attività fisica. L’ideale è compiere 8.000 passi al giorno, ovvero 5-6 chilometri, contro i 10.000 passi in pianura. In questo modo la pressione sanguigna massima e minima scende di circa 10 mm di mercurio e i grassi vengono metabolizzati più velocemente, riducendo l’accumulo di colesterolo e migliorando pertanto l’attività cardiaca. L’aria più fresca consente tra l’altro di avvertire di meno l’affaticamento, tanto che non è infrequente riscoprirsi alla fine della vacanza con un paio di chili in meno.

Ricezione
L’ospitalità montana è fatta di piccole attenzioni. Qualsiasi sia la formula della vacanza, chiunque potrà trovare la sua giusta dimensione.

Sport
Le migliori condizioni climatiche e l’aria meno inquinata favoriscono in montagna la pratica dello sport. “Aumentando l’attività fisica si ossigenano meglio sangue e polmoni con benefici sul funzionamento di tutto l’organismo” spiega il dottor Michelangelo Giampietro, specialista in Medicina dello Sport a Roma. Ma c’è di più: lo sport sembrerebbe allungare la vita. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista “Archives of Internal Medicine” l’attesa di vita cresce di 1,3 anni negli uomini ultracinquantenni con un grado di attività fisica leggera, fino a 3,7 anni con un grado di attività fisica da moderata a elevata.

Ricordi
Indimenticabile, sia sul piano fisico che psichico. I benefici di una vacanza in montagna non si esauriscono al rientro in città, ma sopravvivono nel tempo. Soprattutto nella sfera dei nostri ricordi.

Villeggiatura

Un soggiorno in montagna è un investimento in salute. Per godere appieno e tutto l’anno dei benefici si consigliano almeno 15 giorni, considerato che i primi 4-5 servono al nostro organismo per ambientarsi al cambiamento ambientale.

Zig-zag
Una vacanza in montagna non è mai lineare e soprattutto mai scontata. Ogni giorno può essere programmato in maniera diversa, lasciando spazio – secondo le proprie inclinazioni – alla natura, all’attività fisica, alla cura di sé, al divertimento, alla cultura e allo spettacolo. In montagna insomma non ci si annoia mai, anche se fuori piove.

Quest'anno scegli le tue vacanze nel Parco Naturale della Valle Antrona e tornerai in città con qualche anno in meno.

Ti aspettiamo, clicca qui per conoscere le nostre proposte

L'elisir della giovinezza nel Parco Naturale della Valle Antrona
 

Alberghi / Ristoranti

Partner

Banner
Banner
Banner
Banner

Cerca nel sito

Sondaggio del sito

Dai un voto al nostro sito ?
 

Utenti dal 03.2007

Main page Contacts Search Contacts Search