Immagini della Valle

Copyright

Copyright © 2007 - | www.valleantrona.com
W W W . V A L L E A N T R O N A . C O M
EnglishItalianSpanishFrenchGermanJapanese

AFFILIATI VALLEANTRONA.COM


 
Ospitalità nel Parco Naturale della Valle Antrona
Lug.Ago.Set. 2007 - Pagina 5 PDF Stampa E-mail
Notizie della Valle - Anno 2007
Indice
Lug.Ago.Set. 2007
Pagina 2
Pagina 3
Pagina 4
Pagina 5
Pagina 6
Pagina 7
Pagina 8
Pagina 9
Pagina 10
Pagina 11
Pagina 12
Pagina 13
Tutte le pagine
 
 
 
20 Settembre " Eco Risveglio" - Cristina Dal Passo
 
 
PASTORE IN ATTESA DELLA CASERA
 
 Vorrebbe tornare a produrre il formaggio a Cheggio
 
 
  

La Valle Antrona, ormai si sa, punta al rilancio turistico attraverso le sue bellezze naturali, rimaste praticamente incontaminate, e attraverso le tradizioni che la fanno sembrare tanto unica agli occhi esterni. È anche risaputo che i percorsi eno-gastronomici oggi sono davvero un carro trainante per l'economia e il turismo, e chissà che l'iniziativa del  pastore Roberto Ghivarelli non possa diventare una fiorente attività economica da svolgere in Valle Antrona, e un motivo in più per i turisti per arrivare fino in Ossola. Il signor Ghivarelli infatti ha intenzione di ripristinare la produzione di formaggio a Cheggio.

Da quanto tempo non si produce più formaggio a Cheggio?

Da molto tempo, sarà almeno da vent'anni.

C'è qualcun altro oltre a lei che produce formaggio a Cheggio?

No, sono solo io che lavoro con l'aiuto di mio cugino, Giuliano Piranda, e l'aiuto di un operaio.

Quanti animali avete?

Abbiamo trentacinque mucche da latte e settanta da carne, tra manzette e vitelle.

Quanto formaggio riuscite a produrre?

Attualmente il formaggio che facciamo è solo per uso personale, mentre il latte lo vendiamo alla latteria di Crodo.

Quale tipo di formaggio produrrete?

Faremo del formaggio nostrano di Alpe, una specie di fontina, e la ricotta. Speriamo di iniziare presto perché quest'estate in Valle era pieno di turisti che ci chiedevano il formaggio ma noi non possiamo venderlo.

Come mai?

Stiamo aspettando la casera a Cheggio: ho già fatto domanda par avere i fondi per la costruzione di un luogo idoneo alla produzione del formaggio, per cui il 40% del costo dovrebbe essere coperto dalla Regione, un altro 40% dalla Comunità Montana, e su di me graverebbe il solo 20% del costo. Spero che l'amministrazione pubblica mi venga incontro in questo momento in cui abbiamo tanto bisogno. Inoltre stiamo aspettando i timbri dall'ASL, dopodiché potremo vendere il nostro formaggio nei negozi.

Avete anche una casera all'Andolla, giusto?

Si, ma anche quel luogo avrebbe bisogno di alcuni lavori di risistemazione, per cui stiamo aspettando l'intervento  dell'amministrazione locale: mancano infatti l'impianto elettrico e idraulico.

Come si svolge la sua giornata di lavoro?

Il lavoro è molto duro, ci si sveglia alle 3,30 del mattino e fino sera inoltrata non si ha tregua: bisogna accudire gli animali, mungerli, portarli in pastura e preparare il fieno per l'inverno, tenere pulite le stalle e molto altro.

Consiglierebbe questo lavoro a un giovane?

Io faccio questo lavoro da quarant'anni e a me piace molto, quindi lo consiglio ai giovani. Il lavoro però è molto duro e oggi i giovani non hanno più voglia di avvicinarsi a questo tipo di attività. Pensi che il mio operaio è straniero: arriva dall'Albania ed è bravissimo, è stato da solo tutta l'estate con cinquanta manze all'Andolla.

 

Alberghi / Ristoranti

Partner

Banner
Banner
Banner
Banner

Cerca nel sito

Sondaggio del sito

Dai un voto al nostro sito ?
 

Utenti dal 03.2007

Main page Contacts Search Contacts Search