Immagini della Valle

Copyright

Copyright © 2007 - | www.valleantrona.com
W W W . V A L L E A N T R O N A . C O M
EnglishItalianSpanishFrenchGermanJapanese

AFFILIATI VALLEANTRONA.COM


 
Ospitalità nel Parco Naturale della Valle Antrona
Gen.Feb.Mar. 2008 - Pagina 11 PDF Stampa E-mail
Notizie della Valle - Anno 2008
Indice
Gen.Feb.Mar. 2008
Pagina 2
Pagina 3
Pagina 4
Pagina 5
Pagina 6
Pagina 7
Pagina 8
Pagina 9
Pagina 10
Pagina 11
Pagina 12
Pagina 13
Pagina 14
Pagina 15
Pagina 16
Pagina 17
Tutte le pagine
 
Domenica 20 Gennaio 2008 - www.vcoazzurratv.it
 
Villadossola - Abbattute le prime 4 Torri
 
Image
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Un’ora circa di operazioni preliminari poi, pochi minuti dopo le 10.30 il via libera agli artificieri: 4 delle 8 torri Vinavil, strutture dal diametro di 7 metri l’una e alte circa 60 metri, sono state cancellate dallo scoppio di 50 chilogrammi di esplosivo. Tecnicamente ciascuna delle strutture è stata minata in 9 punti dove sono stati praticati fori dal diametro di circa 30 millimetri.Un’operazione complessa e al contempo uno spettacolo per diversi curiosi che fuori dal cordone di sicurezza dei 100 metri hanno potuto assistervi. Entra nel vivo dunque il lavoro sino ad oggi poco visibile della ditta novarese General Smontaggi, la stessa che nei mesi passati a Bari aveva distrutto l’eco mostro di Punta Perotti. Queste la fasi tecniche che hanno portato oggi alla prima parte della demolizione delle torri : il 3 febbraio prossimo saranno abbattute le restanti 4. L’operazione  prende avvio due anni fa con la bonifica dell’area un tempo cuore pulsante dell’attività produttiva dello stabilimento chimico; impressionanti i numeri : dai Silos sono stati rimossi 30 tonnellate di amianto e 4000 tonnellate di carburo. Altro passaggio importante,  la demolizione delle parti interne dei fabbricati; in questo caso 10mila le tonnellate di materiale deferrizzato che una volta frantumato è finito in discarica come materiale inerte. L’esplosione odierna è dunque l’ultimo passaggio prima dei lavori di alleggerimento della struttura metallica delle torri. I quattro pilastri in acciaio che sorreggevano ogni silos sono stati sostituiti da altrettante strutture in cemento armato. Questo perché la reazione del ferro all’esplosivo è meno stabile e quindi meno sicuro. Alla sommità delle torri sono stati realizzati diversi strati di cumuli di sabbia per attenuare l’impatto dei silos al momento del collasso Per assorbire il lancio dei materiali frantumati le aperture sono state sigillate con legno mentre la base del fabbricato a eccezione del lato sud è stato tamponato e rivestito di reti paramassi e intelaiature particolari.
 
 

Alberghi / Ristoranti

Partner

Banner
Banner
Banner
Banner

Cerca nel sito

Sondaggio del sito

Dai un voto al nostro sito ?
 

Utenti dal 03.2007

Main page Contacts Search Contacts Search