Immagini della Valle

Copyright

Copyright © 2007 - | www.valleantrona.com

Top 100 Joomla

Login

Benvenuto in Valle Antrona



W W W . V A L L E A N T R O N A . C O M
EnglishItalianSpanishFrenchGermanJapanese

 


 
Ospitalità nel Parco Naturale della Valle Antrona
Lago di Antrona PDF Stampa E-mail
I Laghi della Valle Antrona - Lago di Antrona

LAGO DI ANTRONA

Durante la denominazione spagnola nell'Ossola si susseguirono numerose calamità come le alluvioni, la siccità, le frane.
In quel periodo il torrente Troncone scorreva nel fondovalle. Le sue sponde erano però dissimetriche.
Quella sinistra era molto larga e coperta di prati e di campi, mentre quella di destra era coperta da boschi. Partendo da Antronapiana si estendeva, ben esposto al sole, quel tratto della sponda sinistra del Troncone per circa due chilometri con leggera pendenza verso gli alpeggi ora rimasti in fondo al lago, collegati dalla vecchia strada che raggiungeva il passo di Antrona e quindi la valle di Saas. Questa sponda era chiamata con il nome di Egro, dal latino "agrum" cioè campagna coltivata (di questo toponimo è rimasto un ricordo nell'attuale Cimallegra).
Il 27 luglio 1642 un'enorme frana staccatasi dalle pendici del monte Pozzuoli rovinò su tutto il pianoro sottostante investendo anche una parte delle case dei cantoni di Grognasca e delle Case seppellendo senza alcuna possibilità di fuga 95 abitanti, sorpresi nel sonno o incapaci di sfuggire a tanta violenza.
Lo sbarramento della valle chiuse la via al passaggio delle acque del Troncone che a monte della massa franata si allargò in un lago, ora detto il lago di Antrona. Passato il primo sgomento gli Antronesi si ripresero senza aiuti esterni e con tenacia cercarono di sopravvivere in un paese tanto sfortunato. Alcuni, ridotti in povertà dalla crisi che seguì, emigrarono in altre regioni.
(Dati della frana: circa 20 milioni di me. su una superficie di circa 375.000 mq).
Dal 1926 il lago è utilizzato come riserva per la sottostante centrale di Rovesca

 Lo sfruttamento a scopo idroelettrico delle acque della Valle Antrona ha avuto inizio negli Anni Venti, periodo in cui furono costruiti tre grandi impianti, quelli di Pallanzeno, di Rovesca e di Campliccioli (il primo entrato in servizio nel 1926, il secondo tra il 1926 e il 1927 ed il terzo nel1930) per l’utilizzazione delle acque raccolte nei serbatoi dell’Alpe Cavalli, di Campliccioli, di Camposecco e di Cingino. Questi impianti, attualmente di Enel Produzione, che nel corso del tempo hanno dovuto essere sottoposti soltanto a minime modifiche ed hanno subìto alcuni lavori di ristrutturazione, sono tuttora in funzione.

 

foto antrona 006.JPG (394318 byte)  foto antrona 007.JPG (373944 byte)

 

foto antrona 011.JPG (566405 byte)

Lago di Antrona
 

Alberghi / Ristoranti

Partner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Cerca nel sito

Sondaggio del sito

Dai un voto al nostro sito ?
 

Utenti dal 03.2007

Main page Contacts Search Contacts Search